Tragedia a Milano, l’Italia in lutto: morte dolorosa, non deve più succedere

A Milano si è vissuta l’ennesima tragedia che non avremmo voluto raccontarvi e che ha portato tutta l’Italia a cadere nel lutto. Una morte che si doveva evitare e che non deve più succedere.

Purtroppo nel nostro paese di queste storie se ne sentono fin troppe e pare evidente che si debba mettere la parola fine di fronte a quelli che sono dei drammi evitabili.

Tragedia in bicicletta
Morte a milano (BiciZen.it)

Il tutto è accaduto poco tempo fa in via Roma, il tratto di strada della statale 527 che collega Saronno a Monza. Al momento l’evento è al vaglio degli inquirenti che devono cercare di capire le dinamiche di una situazione ancora non del tutto chiara.

Sul luogo sono giunte tempestivamente sia un’ambulanza che un’auto medica del 118, come raccontato da MilanoToday.it, ma purtroppo per Luis Fernando Cueva non c’è stato nulla da fare. I soccorritori hanno provato a salvare il 52enne ecuadoriano, ma senza successo, e ora tutte le persone che gli volevano bene piangono un uomo descritto con parole di elogio. Questi era un operaio residente in zona Bovisasca a Milano.

Bici, evitiamo le tragedie in strada

Il decesso di Luis Fernando Cueva riapre una ferita ancora viva nel nostro paese, quella delle morti in bicicletta. Purtroppo ancora non riusciamo a sopperire ai tanti incidenti che ogni giorno si verificano sulle nostre strade. Diventa importante riflettere in merito affinché certe cose non accadano più.

Milano, cosa è successo?
Dramma a Milano (BiciZen.it)

L’uomo stava percorrendo la strada sulla sua due ruote quando si sarebbe scontrato con una Mercedes Glc guidata da un uomo italiano di 59 anni. I carabinieri della compagnia di Rho hanno effettuato i rilievi del caso, spetterà ai militari ricostruire le cause e le dinamiche dell’incidente. Al momento sono state sequestrate le due vetture, evidenziando che la due ruote non aveva le luci anteriori e posteriori.

L’uomo al volante dell’automobile è stato indagato per omicidio stradale anche se è risultato negativo all’alcol test. Pare che al momento della svolta la bici abbia sorpreso la macchina, come riporta sempre MilanoToday.it.

Al Governo spettano le dovute riflessioni affinché una situazione del genere non si ripeta, visto che ancora nel 2023 sono fin troppe le morti che si consumano sulle strade italiane per scontri tra ciclisti e macchine. Lo Stato sta già provvedendo, soprattutto con il boom delle due ruote post Covid, a realizzare moltissime piste ciclabili nel nostro paese, anche se la situazione rimane per certi aspetti decisamente drammatica.

Impostazioni privacy