Ciclista peggio di Zidane: ha dato una testata a un avversario rischiando di ucciderlo

Ricorderete la testata di Zinedine Zidane a Marco Materazzi, questa che vi stiamo per raccontare arriva dal ciclismo ed è ben più pericolosa. Ha perso letteralmente la testa.

L’adrenalina che si genera durante l’attività fisica a volte può giocare davvero degli brutti episodi. È quello che è successo nella storia che vi stiamo per raccontare che fa preoccupare molto anche per le sue dinamiche.

Rischia di ucciderlo
Testata pericolosa (ANSA) Bicizen.it

Tornando al Mondiale del 2006, Italia e Francia si giocano la finale e Zidane decide di chiudere la sua carriera con un brutto gesto. Materazzi, dopo un contrasto su un angolo, gli urla qualcosa, il trequartista francese torna indietro e gli rifila una testata al centro del petto. L’arbitro non ha esitazione e, anche su suggerimento del quarto uomo, tira fuori il rosso diretto.

Quell’episodio racchiude una serie di cose che non si dovrebbero vedere mai nello sport che purtroppo però ci siamo abituati a scorgere a causa di protagonisti sempre troppo al centro dell’attenzione e a volte anche poco capaci di sapersi prendere le loro responsabilità. Quello che però vi stiamo per raccontare è ancora più grave e poteva avere davvero delle conseguenze drammatiche.

Testata a un avversario del ciclista

Protagonista di questo episodio da dimenticare è il ciclista Tom Pidcock che a Hulst è finito improvvisamente in ultima posizione a causa di un problema meccanico alla sua due ruote. Nonostante la sua gara sembrasse destinata a una brutta fine questi è salito di nuovo in sella con la voglia di spaccare il mondo e la difficoltà di dover recuperare ben 74 posizioni. Le immagini che ci giungono sono sconcertanti perché il ciclista pur di risalire ha dato una testata a un avversario, per fortuna non provocandogli nessun tipo di problema.

Pidcock testata
Testata all’avversario (ANSA) Bicizen.it

Quel gesto però poteva costargli caro, anche perché avvenuto nella baraonda di un gruppo di ciclisti. Qualora l’avversario avesse perso il controllo della sua monoposto sarebbe caduto e avrebbe rischiato addirittura la morte. La giuria non si è accorta dell’episodio durante la gara che però è stato ripreso dagli attenti occhi delle telecamere presenti con le immagini che sono diventate virali sui social network.

Oggi non sappiamo cosa possa accadere, quello che è certo è che rischia una pesante squalifica per aver commesso un gesto decisamente antisportivo. Il pubblico sui social ha mostrato fermo dissenso verso un ciclista che poteva risparmiarsi di certo un gesto tanto estremo e pericoloso per l’incolumità dei suoi avversari.

Impostazioni privacy