Ferrari, Sainz a sorpresa riaccende il polverone: dichiarazioni inaspettate

Carlos Sainz è tornato a parlare dell’episodio che ha deciso il finale di stagione 2023. Ecco a cosa ha fatto riferimento lo spagnolo.

Vi sono momenti di un campionato in cui un solo piccolo episodio può avere un impatto devastante. Dopo la pausa estiva, parlando della stagione conclusa Carlos Sainz sembrava tornato in grandissima forma. Il terzo posto a Monza dopo una sfida entusiasmante con Charles Leclerc e la vittoria di Singapore sembravano averlo portato in una interessante posizione della classifica il pilota.

Rivelazione Carlos Sainz
Carlos Sainz, sono parole dure (Ansa) – Bicizen.it

Sul più bello però, lo spagnolo è stato surclassato dal compagno di squadra che ha inanellato una serie di risultati positivi e ha trovato il sorpasso decisivo nell’ultimo atto di Abu Dhabi. L’episodio che è risultato determinante è avvenuto in occasione dell’inedita tappa sul tracciato di Las Vegas, un circuito che non si vedeva da anni in calendario. Nell’arco della stagione Leclerc ha colto 6 podi, Sprint Race escluse. Carlos Sainz, nel Nevada, ha subito una clamorosa beffa.

Il madrileno si è ritrovato con una Ferrari a pezzi a causa di un incidente con un tombino. Non ci sono state conseguenze fisiche per il pilota, ma la SF-23 ha subito pesanti danni, costando oltre un milione di Euro di danni al team tra le altre cose. Il fondo è stato compromesso, ma esborsi a parte, il #55 è stato costretto a partire dal fondo della griglia. Il figlio d’arte del Matador è stato bravo a rimontare sino al sesto posto, ma avrebbe potuto mirare a ben altri risultati senza quel disastro.

Per sua sfortuna, è incappato in un problema inaspettato. La Scuderia avrebbe potuto effettuare il sorpasso decisivo alla Mercedes. Invece, nell’ultimo anno il ribaltone non è potuto avvenire con un Sainz disperso nelle ultime posizioni e una Mercedes che si è salvata con le unghie. Il team con sede a Brackley ha concluso con 406 punti, tre lunghezze in più di Ferrari. Vi abbiamo ricordato questo episodio perché proprio ora c’è un annuncio sensazionale su un campionissimo.

Ferrari, arriva l’accusa di Sainz

Carlos Sainz nelle prime prove libere del weekend di Las Vegas fu costretto a sostituire diversi componenti, totalizzando un ammontare di 1.225.000 euro di danni. Tutta colpa di un tombino che non era stato fissato bene. Le conseguenze sarebbero potute essere anche drammatiche, tuttavia nonostante la responsabilità oggettiva degli organizzatori, la direzione gara penalizzò il madrileno per la sostituzione degli elementi.

Carlos Sainz nella tappa di Las Vegas
Ferrari, la bordata di Sainz (Ansa) bicizen.it

In una intervista rilasciata in occasione di un evento dello sponsor Banco Santander, lo spagnolo ha ammesso che il tombino di Las Vegas gli ha dato un brutto contraccolpo psicologico e non solo. “Ha preso in pieno la parte anteriore del telaio colpendo anche la zona del sedile – ha ricordato Sainz – Sono rimasto sotto choc, il colpo è stato come un’esplosione. E se si vedono le immagini dall’esterno sembra in effetti che la vettura scoppi. Grazie a Dio però non è accaduto nulla. Senza dubbio è stata la cosa più strana che mi sia successa in carriera“.

Per quanto la sicurezza in F1 abbia toccato livelli altissimi, tanto deve essere ancora fatto. Naturalmente, il pilota lo ha spiegato molto chiaramente, Sainz stesso non aveva modo di vedere il tombino. Si trattava di una sessione notturna di libere ed era davvero difficile distinguerlo dall’asfalto. La frustrazione del numero 55 è stata evidente perché l’intero weekend è andato in fumo. Avrebbe potuto partire dalla prima fila e magari chiudere sul podio. Un fiasco per cui, per una volta durante questa stagione, non è Ferrari a doversi prendere la colpa.

Impostazioni privacy