Milano “vietate” le bici, l’allarme è altissimo: dovete stare molto attenti

Milano è una delle città più importanti del nostro paese e sta attraversando un momento molto particolare. Nel capoluogo meneghino diventa “vietato” andare in bici.

L’allarme è veramente altissimo e i ciclisti devono stare molto attenti a un rischio che si fa sempre più concreto. Ma cosa è accaduto?

Bicicletta vietata a Milano
Milano, bici “vietate” (bicizen.it)

Milano è il capoluogo della Lombardia e conta oltre 1.3 milioni di abitanti. La città sorge a 120 metri sul livello del mare con una superficie di oltre 180 chilometri quadrati. Oggi si tratta del punto di riferimento della moda e centro economico del paese tanto che in molti la considerano la vera capitale anche più di Roma.

La città non è mai risultata come la migliore sotto l’aspetto dei monumenti e delle cose da vedere, ma difficilmente ne troveremo un’altra nel nostro paese che possa garantire gli stessi eventi e presenze culturali, musicali e cinematografiche. Non tutti sapevano che proprio a Milano, nell’ultimo periodo, è scattato l’allarme legato alle biciclette. Ma andiamo ad approfondire quello che è successo da vicino.

Milano, bici “vietate”

Sei di Milano? Allora leggi quello che ti stiamo per raccontare, perché potrebbe esserti molto utile soprattutto se ami andare in giro in bicicletta per le strade del centro. Le due ruote stanno per diventare “vietate” nel capoluogo lombardo.

Pare che i milanesi siano pronti ad abbandonare le bici per i tanti incidenti di cui si è sentito parlare negli ultimi mesi. Tanto che un gruppo di ciclisti si sarebbe reso protagonista anche di una rivolta pacifica alla ricerca di maggiore sicurezza per chi ama andare sulle due ruote.

Bici vietate a Milano città
Ecco il perché delle bici “vietate” a Milano (bicizen.it)

Mario Abis, docente di Ricerche Psicosociali e Statistica e ricerce di Mercato allo Iulm, ha specificato: “In sei mesi l’intenzione di utilizzare la bici, per cittadini che la utilizzavano abitualmente, è calato del 20%”.

Si tratta di un vero e proprio problema anche dal punto di vista ambientale, visto che Milano è già una città molto inquinata. Vedere sempre meno biciclette potrebbe portare a un aumento delle polvere sottili con quelli che sono pronti a rinunciare alle due ruote che tornerebbero in sella a un motorino o a bordo di un’automobile.

Vedremo quali saranno le evoluzioni, consapevoli che la situazione possa diventare davvero molto delicata nelle prossime settimane se nessuno si muoverà per dare delle certezze ai ciclisti. La speranza che si trovi un accordo per permettere alle bici di percorrere ancora la loro strada.

Impostazioni privacy