Bonus Italia per la mobilità: incentivi per le bici | Te la compri nuova

In Italia è stato lanciato un bonus per la mobilità molto interessante che favorirà l’acquisto anche di biciclette. Il nostro paese si muove in maniera intelligente per favorire la viabilità dei suoi cittadini.

Ed è così che vengono lanciate iniziative molto interessanti che possono riguardare diverse parti del nostro paese e aiutare le città a diventare in un certo senso ecosostenibili.

Ecco come risparmiare sulla bici
Bici elettrica, ecco il bonus mobilità (Bicizen.it)

L’esplosione delle e-Bike e dei monopattini elettrici ha fatto capire molte cose sia ai cittadini che agli organi di Stato. La gente si è resa conto di poter arrivare ai posti di destinazione in maniera altrettanto rapida rispetto a macchine e moto. Inoltre questo tipo di viaggi è praticamente a costo zero, senza andare a impattare dunque sul nostro portafoglio.

I vari consigli comunali si sono resi invece conto che i livelli di inquinamento atmosferico continuano ad abbassarsi visto che sono a diminuire in maniera radicale le emissioni di sostanze inquinanti. Inoltre in alcuni casi è migliorata radicalmente anche la viabilità. Senza contare che lo sport e il movimento fanno ovviamente bene alla salute. Andiamo però ora ad approfondire il bonus e cosa si deve fare per richiederlo.

Bonus Italia per mobilità, ecco cosa si deve fare per prendere una bici

Per prendere una bici in Italia ora si potrà usufruire anche di un bonus per la mobilità. Ma cosa serve per arrivare a questo tipo di incentivo? Andiamo a scoprirlo.

Al momento il bonus è partito nella Provincia di Bolzano che per questo 2024 ha confermato la possibilità di presentare domande per bici e auto elettriche oltre che per le ibride. Sono tre i bandi con scadenza il 31 marzo, il 31 luglio e il 31 ottobre andando a coprire di fatto tutto l’anno.

Bici ecco come risparmiare
Incentivi per la bici (Bicizen.it)

Per fare la domanda bisogna avere un’identità digitale e ci si deve collegare alla piattaforma mycivis. I veicoli non possono superare i 50mila euro, Iva esclusa, e in oltre gli incentivi provinciali si possono accumulare con quelli statali.

Vediamo anche in numeri di che incentivi si tratta. Si parla di 2mila euro per l’acquisto di autoveicoli elettrici a batteria mentre si scende a 1000 per ibridi plug-in. Invece per motoveicoli elettrici e biciclette cargo elettriche si parla di un contributo del 30% che si attesta fino a 1000 euro nel primo caso e fino a 1500 nel secondo.

Affrettatevi a presentare la domanda perché sicuramente si tratta di un aiuto molto importante per rinnovare la vostra mobilità e cambiare di fatto la vostra quotidianità.

Impostazioni privacy