Taxi, rivoluzione in Italia: non si potrà più fare, legge rivoluzionata

Cambia la normativa che disciplina le regole per i tassisti, la svolta in arrivo prevede restrizioni che provocheranno accesi dibattiti

Con l’imminente svolta normativa destinata a modellare il panorama dei servizi taxi, il governo ha annunciato significative restrizioni che promettono di scatenare accesi dibattiti tra gli operatori del settore, disciplinando i metodi e i comportamenti da adottare da parte degli addetti al trasporto pubblico cittadino. Le nuove regole, progettate per adattarsi ai cambiamenti nella mobilità urbana e nell’industria dei trasporti, saranno oggetto di intensi confronti da parte di tassisti e stakeholder interessati. Il dibattito si preannuncia acceso, con incontri e manifestazioni programmate nei prossimi giorni per esprimere posizioni contrastanti.

rivoluzione taxi
Cambia la normativa che disciplina i taxi – bicizen.it

Le reazioni da parte dei tassisti sono state immediate e articolate. Numerose associazioni di categoria hanno già espresso preoccupazione riguardo alle implicazioni economiche di queste restrizioni, sottolineando come l’adeguamento ai nuovi standard potrebbe comportare notevoli costi aggiuntivi per gli operatori del settore. Allo stesso tempo, sostenitori delle misure ritengono che queste siano essenziali per promuovere la sostenibilità e l’innovazione nel settore dei trasporti. Resta da vedere come evolveranno gli eventi e quali compromessi saranno raggiunti per plasmare il futuro del servizio taxi nell’era della mobilità sempre più in rapida evoluzione.

Stretta sul servizio taxi di Fiumicino aeroporto

È notizia di qualche giorno fa che Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) abbia deciso di dare un segnale deciso alla categoria dei tassisti che orbitano e operano all’interno dell’aeroporto di Roma Fiumicino “Leonardo da Vinci”. Per coloro che utilizzano spesso il servizio di taxi dall’aeroporto verso la Capitale, avrà potuto tristemente notare come spesso e volentieri i tassisti dello scalo romano scelgano deliberatamente quale cliente accaparrarsi, in base alla distanza della destinazione.

taxi fiumicino aeroporto
Enac regolamenta il comportamento dei tassisti in aeroporto (comune.roma.it) – bicizen.it

Questo comportamento, oltre ad essere poco etico e contrario ai princìpi e alla dignità del lavoro che il tassista svolge, è non solo irrispettoso nei confronti dei passeggeri che atterrano a Fiumicino e desiderano raggiungere Roma in taxi, ma è anche contrario alle norme vigenti che non prevedono la selezione del cliente in base alla loro destinazione. Questa operazione di scelta del passeggero da trasportare vìola la normativa regolamentatrice del servizio pubblico e getta ulteriore fango su una categoria di lavoratori spesso additata come poco trasparente.

Enac, quindi, ha obbligato i tassisti occupanti gli stalli dell’aeroporto di Fiumicino a prendere in carico il primo cliente ne chieda il servizio, a prescindere dal costo della corsa. L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile fa sapere che le pene per chi non osserverà le nuove disposizioni potrebbero portare alla sospensione della licenza e quindi l’interruzione della professione. Il controllo lo svolgerà un chip installato su ogni vettura che monitorerà il tempo di sosta dei taxi negli stalli.

Impostazioni privacy