Se viaggi con un’auto elettrica, occhio all’ostacolo nascosto: attenzione, rischi sul serio

Coloro che hanno deciso di optare per le automobili elettriche dovranno fare caso a un aspetto in particolare, altrimenti corrono degli spiacevoli rischi durante uno spostamento.

Optare per una vettura elettrica comporta un grande cambiamento, anche nelle abitudini. Consuetudini consolidate alla guida e modi di fare devono essere rivisti, non soltanto per il funzionamento generale dell’auto che si ricarica, ma anche perché alcune norme sono del tutto diverse. In alcuni casi si ottengono dei vantaggi importanti, in altri invece bisognerà fare l’abitudine a delle limitazioni. Tuttavia, nelle maggior parte dei casi si può solo trarre giovamento dal lato green dei motori.

Le regole da rispettare quando si viaggia con l'auto elettrica nel traghetto
Auto elettriche: attenzione quando si fa questo tipo di viaggio (ANSA) – bicizen

 

Ad esempio, nel rispetto delle norme di sicurezza, le auto elettriche possono viaggiare sui traghetti. Bisognerà seguire alla lettera le prescrizioni, onda evitare conseguenze spiacevoli come ad esempio incendi. Sono piuttosto rari, ma possibili. Perciò sono state previste alcune specifiche riguardanti la carica della batteria, oltre a dover parcheggiare secondo determinati requisiti.

A stabilire le condizioni di sicurezza e le norme affinché le auto elettriche siano ammesse sui traghetti sono le società di trasporto marittimo. Queste in linea di massima non oppongono grossi ostacoli, ma potrebbero richiedere la prenotazione anticipata del posto piuttosto che fissare un supplemento sul prezzo del biglietto, anche dovuto alla limitazione dei posti a bordo. Anche la batteria della vettura potrebbe dover rispettare una carica limitata per evitare problemi durante la traversata. Per proprie caratteristiche, le vetture elettriche oppure a gas potrebbero surriscaldarsi, prendere fuori a causa di urti oppure cortocircuitarsi perciò s’impone – almeno in Italia – una carica che va al 20% al 50% e che restino bloccate e/o spente durante il viaggio, senza che siano attaccate a nessuna presa di corrente presente a bordo.

Auto elettriche, le norme per salire su un traghetto: attenti alle restrizioni

Regole che non devono comunque allarmare coloro che decidano di partire portando con sé la vettura, poiché è molto raro che l’umidità o fattori contingenti possano generare un incendio. Le testimonianze sono molto sporadiche e datate. C’è da sottolineare che le fiamme di una batteria che risulti surriscaldata richiedono un intervento specifico rispetto ai motori a combustione oltre al fatto che, dato il poco spazio a disposizione, le fiamme potrebbero generare danni ingenti al mezzo marittimo. È anche per questo che, prima di essere immesse sul mercato, le vetture elettriche sono sottoposte a molti e accurati test, che le confermano fra le più sicure in assoluto.

Le regole per l'Italia per le auto elettriche sul traghetto
Auto elettriche: le regole per viaggiare in mare (ANSA) – bicizen

 

Quando si prenota un viaggio in traghetto, comunque si può fare riferimento alle protezioni che le compagnie di trasporto marittimo garantiscono. Alcune ne generano di specifiche per le auto Ev, da richiedere al momento dell’acquisto del titolo o all’imbarco. Oppure più semplicemente nelle informazioni generali saranno indicati i limiti della carica delle batterie. Mai salire a bordo senza essersi informati nel dettaglio.

Impostazioni privacy