Rottura turbo compressore, ecco a cosa devi fare attenzione prima di partire

C’è una cosa molto importante a cui dovreste assolutamente fare attenzione prima di partire con la vostra auto.

Si tratta di un semplice controllo che, se sottovalutato o addirittura ignorato, può provocare danni importanti ai motori turbocompressi, tali da pregiudicarne il loro corretto funzionamento con conseguenti spese di ripristino molto costose.

Autovettura guasta
Auto con rottura turbo – Bicinìzen.it

Il turbo compressore è ormai un componente fondamentale nei motori diesel e non solo, nel tempo sono diventati sempre più complessi ma anche performanti. Si è passati dai turbo a Geometria Fissa a quelli a Geometria Variabile, in grado di garantire una elevata pressione di sovralimentazione già a regimi molto bassi di funzionamento del motore. Si sono aggiunte poi altre elettrovalvole di controllo del funzionamento del turbo compressore, rendendolo così un vero e proprio componente elettronico e meccanico; ma vediamo insieme a cosa occorre prestare particolare attenzione per il suo corretto funzionamento nel tempo.

L’olio motore, il segreto che pochi conoscono per non avere problemi

Spesso purtroppo viene sottovalutato e poco considerato, quanto sia importante il corretto funzionamento del sistema di lubrificazione per un turbo compressore. Fattori quali potrebbero essere una trascurata manutenzione del filtro dell’olio, la scarsità dello stesso nella coppa o ancora guarnizioni errate delle tubazioni che consentono il suo ingresso, possono infatti limitare l’alimentazione e la conseguente lubrificazione del turbo, fino a provocare depositi di residui di carbonio o l’accumolo di morchia a seguito di arresti impropri.

Riparazione autovettura
Riparazione tubo compressore – Bicizen.it

Ma non solo, il mancato adescamento iniziale del turbo con olio, l’utilizzo di pompe olio logorate e di olii con caratteristiche tecniche inappropriate per il vostro veicolo, contribuiscono ulteriormente ad un eventuale guasto del turbo. Ecco perchè risulta fondamentale non sottovalutare mai il controllo dei livelli, sottoporre la vostra auto a periodiche manutenzioni con regolari sostituzioni di olio e filtro, seguendo le indicazioni del costruttore del proprio veicolo. In caso poi di uso gravoso del mezzo, come può essere nel ciclo urbano, oppure in continui utilizzi a velocità e regimi di giri elevati, è consigliabile anticipare la sostituzione di olio e filtro ed effettuare la pulizia delle tubazioni che portano l’olio al turbo, al fine di eliminare depositi di carbonio o morchia .

Un ultimo consiglio che vogliamo darvi è quello di adeguare le vostre abitudini di guida nelle giornate più fredde, in particolare se il veicolo è rimasto per lunghi periodi fermo. In questo caso infatti occorre evitare di mandare su di giri il motore che provocherebbe una sollecitazione superflua del turbo. E’ consigliabile attendere qualche minuto prima di guidare a regimi elevati e consentire così al motore di riscaldarsi e all’olio di fluire attraverso il turbo compressore. Speriamo di esservi stati di aiuto con questi piccoli accorgimenti che, se rispettati, possono prevenire i danni a lungo termine del vostro turbo compressore.

Impostazioni privacy