Fiat blocca tutto: decisione incredibile, non se ne farà nulla

Il rinnovamento in casa FIAT è costante, ma a quanto pare una serie di decisioni stanno rivoluzionando la gamma italiana.

In questi anni la FIAT ha saputo continuare verso una direzione vincente nel mondo dei motori, tanto è vero che ha saputo imporsi come il marchio di Stellantis più venduto al mondo. In Italia inoltre nessuno può anche solo pensare di poter tenere testa a un modello eccezionale come la Panda, quella che per molti è la FIAT per eccellenza.

FIAT 500 ibrida attenzione addio Stellantis elettrica Polonia
FIAT, incredibile decisione (Stellantis Press Media – bicizen.it)

Non è un caso infatti che sarà proprio la Panda che a luglio amplierà ancora di più la gamma elettrica del colosso torinese, considerando infatti come questo modello sia talmente apprezzato che permetterà di far avvicinare i clienti sempre di più all’elettrico. Purtroppo i risultati non sono stati dei migliori per un altro mitico modello come la FIAT 500e.

Quest’ultima è un’auto che in Francia sta raccogliendo più successo rispetto che all’Italia, tanto è vero che è seconda nella classifica delle vetture a impatto zero vendute, mentre nel Belpaese è dietro alla Tesla Model Y e la Model 3. La 500e si presenta con una lunghezza di 363 cm, una larghezza di 168 cm e un’altezza di 153, il che la rende omologata per un totale di 4 posti. Un’auto che però presenta dei problemi che ne stanno compromettendo il futuro.

Niente FIAT 500 ibrida: la conferma lascia dei dubbi

Nonostante la FIAT 500 ibrida sia tra i primi cinque modelli più venduti in Italia, con i dati che si riferiscono all’anno solare 2023, le nuove normative dell’Unione Europea che saranno introdotte da luglio 2024, porteranno alla fine di questo modello. Lo ha confermato Olivier François, ovvero l’AD di FIAT, con questi che però ha fatto molto discutere al termine delle sue dichiarazioni.

FIAT 500 ibrida attenzione addio Stellantis elettrica Polonia
FIAT 500 (FIAT Press Media – bicizen.it)

François ha infatti evidenziato come la FIAT 500e sarebbe a tutti gli effetti un modello perfetto per poter inserire una componente ibrida, risolvendo così i problemi della attuale 500 termica. Il fatto però è che, come riporta automoto.it, la FIAT al momento non ha la benché minima intenzione di puntare su altri modelli che non siano del tutto a impatto zero, cercando così di raggiungere la tanto attesa “purezza elettrica”.

La FIAT 500 ibrida attale terminerà la propria produzione a luglio, con questo modello che continuerà a nascere ancora per poco nella sede Stellantis in Polonia. La 500e però per il momento è un mezzo buco nell’acqua, a causa del prezzo da ben 29 mila Euro e un’autonomia che non tocca nemmeno i 200 km, problemi che andranno risolti il prima possibile per il bene dell’azienda.

Impostazioni privacy