Fiat, che svolta: costeranno meno, la tecnologia che ti fa risparmiare

La Fiat si è fissata l’obiettivo di continuare ad essere l’auto del popolo anche nella rivoluzione elettrica che attende il nostro mercato. Ecco la strategia che useranno.

Da quando Fiat ha stretto l’accordo del secolo con i cugini di Peugeot la gamma è stata rinnovata ed improntata sull’elettrico. Nel giro di due anni, dopo la creazione di Stellantis, sono arrivate sul mercato la 500 elettrica, la Topolino, l’e-Doblò e la nuova 600. Il grande salto avverrà, però, con il lancio della nuova generazione della Panda.

Fiat strategia costi auto elettriche
Grande novità in arrivo in casa Fiat – Bicizen.i

Del resto, la deadline del 2035 non aspetta nessuno. Tra 12 anni nei Paesi dell’Unione Europea saranno vendute solo auto elettrica. Abolita l’immissione sul mercato persino delle ibride. La Fiat vuole farsi trovare preparata e ha già una idea che potrebbe rivoluzionare il mercato. Il problema delle vetture elettriche attuali, a prescindere da tutti i discorsi legati alle infrastrutture, è legato al costo delle batterie. Di conseguenze persino le city car elettriche sono estremamente care senza ecobonus.

La Fiat vorrebbe invertire questa rotta e lo farà già con la nuova Panda che dovrebbe rappresentare un punto fermo nel futuro prossimo per una mobilità elettrica innovativa. Per forza di cose dovrà trattarsi di una vettura economica e versatile che sarà ispirata al concept Centoventi che ha esordito nel 2019, con una idea differente di entry level.

La nuova Panda dovrebbe essere elaborata sulla piattaforma CMP della PSA, la stessa della Peugeot 208. Non solo si punterà all’utilitaria ancora più venduta in Italia, ma anche ad un crossover di quattro metri circa che troverà spazio nella gamma. In sostanza si sta pianificando una strategia con un rinnovamento del segmento A e B.

Il nuovo progetto della FIAT

Stellantis vuole battere tutti sul tempo e ha siglato un Memorandum d’Intesa (MdI) non vincolante con un noto produttore cinese di batterie CATL, allo scopo di creare una partnership che garantirà un super vantaggio rispetto ai competitor se dovesse funzionare. Conosciamo tutti lo strapotere che hanno i cinesi sul mercato delle EV, grazie alle materie prime.

Fiat Centoventi concept ispirazione nuova Panda
Il concept Fiat Centoventi sarà la base della nuova Panda – Bicizen.it

Alla base dell’accordo vi sarebbe l’adozione sulle Fiat delle batterie al litio-ferro-fosfato (LFP) che rappresenterebbe un metodo strepitoso per unire buone prestazioni a costi di produzione bassi. Questa strategia dovrebbe favorire la diffusione dei veicoli elettrici che, per ora, in Italia non fanno presa. Le batterie agli ioni di litio sono pesanti e non hanno rasserenato nemmeno in merito all’autonomia.

Le batterie LFP, sebbene abbiano una densità energetica inferiore, spiccano per una maggiore economicità e funzionalità. Non c’è il nichel, cobalto, e altre materie molto care nella composizione degli elettrodi e del separatore. Quindi si avrebbe una maggiore durata con oltre 10.000 cicli di ricarica e scarica, mentre le attuali batterie agli ioni di litio si fermano a 3.000.

Queste batterie innovative potrebbero aiutare Stellantis a perseguire, entro il 2030, il 100% delle vendite delle EV in Europa e il 50% negli Stati Uniti, veicoli commerciali leggeri alla spina inclusi. Nel giro di 15 anni l’obiettivo di una gamma 100% elettriche dovrebbe essere raggiunto.

Impostazioni privacy