Sinner in Ferrari, i fan impazziscono: debutto in pista da brividi

Sinner è uno degli sportivi italiani del momento, grazie alle sue imprese nel tennis. Ora ha anche debuttato al volante di una Ferrari

Ormai da qualche anno è uno degli atleti italiani più amati nel nostro paese e conosciuti anche all’estero. Anzi, forse, oggi Jannik Sinner è proprio lo sportivo italiano numero 1 in assoluto. E le straordinarie prestazioni recenti alle ATP Finals di Torino e poi a Malaga in Coppa Davis ne sono la conferma.

Sinner al volante di una Ferrari
Sinner protagonista anche in .. Auto (Ansa) BiciZen.it

Le sfide contro Novak Djokovic hanno calamitato l’attenzione del pubblico italiano sul 22enne altoatesino, oggi numero 4 al mondo nella classifica del tennis. Da allora è scoppiata una vera e propria Sinner mania. Dopo la vittoria della Davis lo abbiamo ritrovato a San Siro ad assistere a un match del suo Milan e, ancora più di recente, lo abbiamo visto addirittura abbracciare il mondo dei motori.

Come da lui stesso rivelato in passato, Sinner ha una passione per le automobili, e in particolare per le vetture del marchio Ferrari. Questo spiega perché Jannik ha deciso di andare a visitare la sede del Cavallino Rampante a Maranello, dove è stato accolto dal CEO Benedetto Vigna. Al giovane campione azzurro è stato fatto fare un factory tour completo, visitando anche il reparto che ospita numerose auto classiche della Rossa. E, alla fine, ha addirittura fatto il suo debutto in pista.

Sinner al volante della Ferrari: un sogno che si realizza

Proprio così: Jannik Sinner ha avuto modo di guidare un paio di modelli Ferrari esclusivi, assistito dal responsabile dei collaudatori Raffaele De Simone. Il tennista italiano ha provato prima una Ferrari SF90 Spider Assetto Fiorano, e poi una Purosangue, due auto tra le più veloci e performanti tra quelle prodotte dalla casa di Maranello. Sinner ha anche condiviso le foto di questa esperienza sul suo profilo Instagram ufficiale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ferrari (@ferrari)

Sono stati il padre e il nonno, come ha raccontato, a trasmettergli la passione per i motori e la Formula 1. “Ho sempre guardato le gare con loro sin da bambino” ha detto, spiegando che però la sua carriera nel tennis lo ha un po’ allontanato da questo mondo, a causa della sovrapposizione tra le gare.

Riguardo la sua esperienza in pista, Sinner ha rivelato di essersi divertito molto, e di aver percepito di essere come “avvolto” dalla vettura, come se fosse un’estensione del suo corpo. “Un po’ come la racchetta: solo decisamente più grande”.

Impostazioni privacy