Ferrari, che tristezza: la fabbrica meravigliosa è finita così

Un vero e proprio luogo di culto per i fan della Ferrari, dove nasceva un mitico modello, è ora diventato un cimitero di vetture.

Oggi vi parleremo di una vicenda piuttosto triste, che riguarda il marchio Ferrari e non solo. La casa di Maranello è il riferimento assoluto per quello che riguarda le supercar in Italia, dei veri e propri gioielli che di anno in anno si rinnovano migliorando in ogni aspetto. Il 2023 che si sta per chiudere è un anno trionfale, con vendite sempre in crescita e profitti molto elevati.

Ferrari che notizia tragica
Ferrari, non doveva finire così (Canva) – Bicizen.it

Ovviamente, c’è poi il discorso legato alla F1, nella quale le cose non vanno come sperato dai tifosi, ma questo non sembra essere un grave problema per la dirigenza attuale. Di certo, per il nostro settore automobilistico quella che vi stiamo per riportare è una notizia terribile, dal momento che una gloriosa fabbrica, dove veniva prodotta anche una Ferrari, è ridotta in pessimo stato.

Ferrari, ecco cosa è successo alla fabbrica

In provincia di Torino, a San Giorgio Canavese, si trova un vero e proprio luogo di culto per gli appassionati delle quattro ruote, dal momento che qui veniva prodotta la mitica Ferrari Testarossa. Si tratta, per chi non lo sapesse, della fabbrica dell’atelier italiano famoso in tutto il globo Pininfarina, che ha regalato un design da brivido a centinaia di supercar nel corso della sua storia, ma oggi purtroppo, tutto è cambiato, almeno in questa parte d’Italia.

Ferrari Testarossa fabbrica chiusa
Ferrari Testarossa: questo modello è nato per anni dentro la struttura… (ANSA – Bicizen.it

Infatti, questa fabbrica è chiusa ormai dal lontano 2011, momento nel quale la Pininfarina ha smesso di occuparsi direttamente della realizzazione dei progetti, puntando solamente sul realizzare alcune consulenze, una sorta di disimpegno dopo decenni di onorata attività. In questo luogo di culto, sono nati gioielli come l’Alfa Romeo Spider e Brera, la Peugeot 406 Coupé, la Cadillac Allante e tante altre, tra le quali la straordinaria Ferrari Testarossa, una supercar che fece andare fuori di testa gente del calibro di Diego Armando Maradona e Michael Jordan.

Come potrete immaginare, questo luogo è ormai del tutto abbandonato, e si è formato un vero e proprio cimitero di questi gioielli senza tempo. Infatti, sono ancora presenti dei modelli che venivano utilizzati per realizzare i crash test, ovvero le prove per capire quelli che erano i livelli di sicurezza delle varie vetture, che avvenivano in una zona molto vicina a quello che era lo stabilimento dove poi le auto erano effettivamente prodotte.

Purtroppo, come spiegato in un articolo apparso sulle colonne di “virgiliomotori.it“, i vandali sono spesso entrati in azione ed hanno distrutto gli uffici e molto di ciò che restava di questo splendido luogo, che ora è davvero ridotto male. In dodici anni, infatti, sono entrati tantissimi curiosi o malintenzionati, che hanno contribuito alla distruzione di un luogo che ha dato vita a delle perfette opere d’arte su quattro ruote.

Secondo quanto emerso, l’intera area sarebbe stata messa in vendita nella speranza di una futura riqualificazione, ma il guaio è che sembra che tutto ciò non interessi a nessuno, almeno per il momento. In questo luogo, resta solo il ricordo di un periodo mitico, in un momento in cui in Italia di fabbriche abbandonate che riguardano il settore automotive se ne stanno trovando sempre di più.

Impostazioni privacy