Honda rispolvera lo storico modello: torna ancora più cattivo e potente, che gioiello

Il marchio Honda riporta in vita un’auto molto amata dal pubblico. L’innovazione potrebbe portare ad un boom di incassi.

Gli amanti delle vetture sportive ed aggressive possono festeggiare, specie quelle giapponesi! Un noto preparatore nipponico ha deciso di ridisegnare un classico modello della Honda in ben due versioni. Presentata a Tokyo in occasione dell’Auto Salon, questa auto è stata fortemente rivista sotto il profilo tecnico, in modo da aumentare massicciamente le prestazioni. In quest’ottica, sono stati rifatti anche gli interni per rendere l’abitacolo più confortevole, in particolare le novità riguardano i dettagli in fibra di carbonio, il volante, i sedili più imbottiti e le finiture. Vediamo il tutto…

Honda bolide novità
La nuova Honda è semplicemente mostruosa (Canva) – Bicizen.it

Dietro a questo ambizioso piano di restyling c’è la Mugen. Fondata nel 1973 da Hirotoshi Honda, figlio del fondatore dell’omonima compagnia, e da Masao Kimura, l’azienda si è fatta conoscere soprattutto nel mondo delle competizioni. Il suo destino corsaiolo e ambizioso lo si ritrova già nel nome visto che la traduzione è “senza limiti”. Tra i campionati a cui ha partecipato dalla sua creazione anche la Formula 3000 e la più blasonata F1, mentre fino al 2005 è stata fornitrice unica dei propulsori per la Formula Nippon.

La Honda torna all’antica,  ecco i due esemplari destinati a stupire

Se il progetto è della Mugen, la macchina a cui ci riferiamo è la Honda Civic Type R, apprezzata a livello globale per il suo look accattivante.

La livrea Rallye Red sgargiante mette in evidenzia le linee muscolari della Group A che fanno spiccare un avantreno con paraurti dotato di labbro anteriore più ampio e grandi prese d’aria ai lati. Aumentate nei volumi anche le minigonne, come lo spoiler posteriore è stato reso più largo rispetto all’originale.

Sulla Group B la mano del preparatore ha messo le mani in maniera ancora più evidente. Nello specifico, sono stati ingranditi lo splitter anteriore e le minigonne laterali. Il cofano si dimostra ancora più accattivante per le prese d’aria vistose. Gli sfoghi non mancano neppure sui passaruota, mentre la griglia anteriore imita il design delle macchine da corsa. Interessante l’uso di materiali racing come la fibra di carbonio e per quanto riguarda la colorazione è stato adottato l’argento.

Honda Civic Type R, caratteristiche
La Honda Civic Type R si rifà due volte il look (Honda)-Bicizen.it

Su entrambi le varianti è stato fatto un grande lavoro su sospensioni e ammortizzatori e sono stati utilizzati i cerchi forgiati da 19 pollici BBS. Guardando allo scarico, la prima opzione vanta più terminali, la seconda invece, spicca per l’adozione del titanio per la realizzazione. Sulla Group A sono poi state introdotte nuove pastiglie dei freni, al contrario sulla Group B l’impianto frenante è stato completamente ripensato e costruito ad hoc.

Per il momento non si conoscono le migliorie apportate al motore però è certo che ci saranno dei passi avanti sia sotto il profilo della maneggevolezza, sia sotto quello della performance pura, come d’altronde accade per ogni modello del marchio su cui viene messa mano dai tuner. Partendo da un’unità quattro cilindri turbo da 2,0 litri provvista di sistema VTEC in grado di scaricare sull’asfalto fino a 329 cv e con una coppia massima di 420 Nm, non è dunque da escludere un potenziamento ancora più folle, come potrebbe essere aumentata anche la top speed, oggi fissata a 275 km/h. Il prezzo dovrebbe essere comunque contenuto, nella forbice tra i 50mila e i 55mila euro.

Impostazioni privacy