Vetture dimenticate della F1, in pochi ricordano questa perla: fece ‘scalpore’

Oggi vi parleremo di un’auto di F1 del passato, che è ancora ricordata da tutti. Ecco perché era così speciale.

La storia della F1 è ricca di auto e piloti che ne hanno scritto delle pagine indimenticabili, regalando momenti unici ai fan. Oggi non viviamo di certo il momento più bello di sempre, visto che siamo immersi in un ciclo vincente della Red Bull che ha sostituito quello della Mercedes. Di lotte all’ultimo sangue non ce ne sono più, con regolamenti sempre più assurdi e delle piste in calendario che vanno sempre nella direzione del business e non nell’interesse dello sport.

F1 auto storica
F1 piloti in azione (ANSA) – Bicizen.it

L’ultima invenzione è stata il cittadino di Madrid che sostituirà la pista di Barcellona, ed anche Suzuka, pista storica della F1, rischia tantissimo per il proprio futuro. A questo punto, andiamo a vedere una monoposto del passato che di certo è rimasta nella storia di questo sport, anche se non ha vinto il titolo mondiale.

F1, ecco la prima Ligier della storia del Circus

Una delle auto di F1 che maggiormente appartengono alla storia, anche se non è una di quelle più vincenti o che è riuscita a lottare per il mondiale, è la Ligier JS5, vale a dire la prima monoposto di questa casa francese. Venne progettata dall’ingegnere Gerard Ducarouge, ed ha preso parte al mondiale del 1976, non certo una stagione banale, visto che fu quella del duello tra la Ferrari di Niki Lauda e la McLaren di James Hunt, ed anche dell’incidente al Nurburgring dell’austriaco che gli costò il campionato.

Ligier JS5 auto storica
Ligier JS5 in azione (X) – Bicizen.it

Questa fu un’auto che si distinse per un design davvero clamoroso, che fa capire quanto, in passato,  i tecnici fossero liberi di osare, senza mettere in campo vetture quasi tutte uguali come succede invece oggi. Il telaio fu realizzato in monoscocca in lega alleggerita, dal momento che all’epoca non veniva di certo usata la fibra di carbonio.

Il motore non veniva prodotto dalla Ligier stessa, ma era un Matra MS73 V12, con abbinata una trasmissione Hewland TL 2-200 a 5 rapporti manuale. La vettura, la prima realizzata dalla Ligier per competere al mondiale di F1, venne affidata a Jacques Laffite, che gareggiò in solitaria, senza un compagno di squadra, ma c’è da dire che ebbe dei risultati sorprendenti.

All’epoca, il Circus era ben diverso rispetto ad oggi, ed anche una squadra debuttante poteva pensare di performare al meglio anche nella sua prima esperienza. Laffite ottenne infatti la pole position al Gran Premio d’Italia a Monza, con una vettura che si adattò molto bene a quella pista grazie alle sue ottime velocità di punta, favorite dalla sua forma curiosa e dal motore Matra.

I risultati furono positivi, anche se non arrivò la vittoria. Laffite dopo i primi due ritiri chiuse quarto negli USA, mentre in Belgio ed in Italia giunse terzo, portando a casa i primi due podi nella storia della Ligier. Il mondiale fu chiuso dalla casa francese con 20 punti ed un grande quinto posto nel mondiale costruttori, andando ben oltre le più rosee aspettative della vigilia.

Impostazioni privacy