La Fiat Punto più estrema mai vista: oltre cento cavalli ed un aspetto spaventoso

La Fiat Punto è certamente una delle utilitarie italiane di maggior successo mai viste. Ma cosa succederebbe se qualcuno volesse darle un pizzico di brio in più?

Poche vetture italiane hanno avuto un impatto sul mercato paragonabile a quello della Fiat Punto. La piccola vettura del Segmento B nata nel 1993, costruita in ben tre generazioni – l’ultima delle quali è stata la Grande Punto – e purtroppo tolta dalla produzione senza una vera e propria erede nel 2018 ha lasciato un vuoto enorme sul listino Fiat. Considerando quanto fosse apprezzata dai clienti del marchio torinese, rimetterla sul mercato sarebbe un’ottima decisione ma per ora, non ci sono notizie ufficiali dal brand italiano.

Fiat Punto modello speciale
La Punto è un modello che tutti vorrebbero rivedere al più presto sul mercato (Ansa) – Bicizen.it

Sicuramente, la caratteristica che ha reso la Punto il successo incredibile che è stata, con oltre otto milioni di unità vendute in tutto il mondo, è la sua semplicità. L’automobile era molto piccola – salvo che nella terza generazione – rappresentando quindi un’utilitaria perfetta per la città. Allo stesso tempo però, era un’auto facile da guidare, divertente e adatta anche a piccoli viaggi.

Per chi desiderava un pizzico di brio in più alla guida erano anche disponibili allestimenti incredibili: negli anni, oltre a vedere delle Punto allestite per i rally, abbiamo avuto sul mercato anche la leggendaria Punto GT capace di staccare da 0 a 100 in appena 7,9 secondi che per i primi anni duemila era un vero record, per un’utilitaria. Pochi sanno però che è esistita anche una Punto ancora più potente ed estrema. La vediamo subito!

Punto Drago: non sputa fiamme ma quasi

Proprio sulla Punto GT nacque uno dei kit di allestimento più estremi mai visti per un’utilitaria di questo tipo. Venne ideato e progettato completamente dalla ditta Giannini proprio alla fine degli anni novanta, quando la prima Punto GT era in produzione. Questo kit noto anche tra gli appassionati come Fiat Punto Giannini Drago, forse per le prestazioni esagerate della vettura, attirò molti proprietari dell’auto per la sua capacità di conferire ancora più grinta sportiva al modello.

Fiat Punto Drago
Fiat Punto Giannini (YouTube) – Bicizen.it

Grazie al kit elaborato da Giannini, i proprietari potevano arrivare a pretendere il massimo dal motore 1.4 della Punto GT che da ben 133 cavalli saliva alla potenza di 158, roba da farsi levare la patente al primo scatto al semaforo. Ovviamente, la vettura così modificata subiva interventi meccanici importanti con il motore che veniva sovralimentato. Tuttavia, le modifiche non erano soltanto di questo genere.

Anche l’estetica dell’auto veniva pesantemente rivista con gomme allargate da sedici pollici, passaruota bombati e minigonne che andavano a rendere la carrozzeria della vettura ancora più sportiva e impressionante. Ora, la brutta notizia: Giannini non ebbe mai l’ok di Fiat per produrre questo kit in serie, un vero peccato. Pensate cosa sarebbe potuto venire fuori: forse, se la Giannini avesse prodotto in quantità questo kit, la Uno Turbo sarebbe stata surclassata dalla Punto GT nell’eterna sfida tra hot hatch italiane…

Impostazioni privacy