La Red Bull ora trema, spunta un retroscena agghiacciante

La Red Bull non ha iniziato il 2024 nel migliore dei modi e ora c’è una rivelazione che mina la serenità dei campioni del mondo.

Dopo una stagione dominante come quella del 2023, probabilmente nessuno in casa Red Bull si sarebbe mai immaginato di vivere un periodo così complicato a inizio 2024. Le prestazioni della monoposto saranno valutate a breve, ma è ciò che sta accadendo all’interno della scuderia che ha davvero dell’incredibile.

Chris Horner interrogatorio Red Bull 2024 F1 problemi Team Principal
Nuovi problemi in casa Red Bull (Ansa – bicizen.it)

Già alla fine del 2023 si parlava di una monoposto che non era stata in grado di superare i crash test iniziali e che dunque necessitava di qualche cambiamento. Le cose però si sono fatte decisamente molto più complicate nel momento in cui sono iniziati alcuni processi a livello personale.

Il caso che sta lasciando tutti senza parole è quello che sta coinvolgendo lo storico Team Principal della Red Bull, con Chris Horner che è accusato di comportamento inappropriato contro una dipendente. Non è ancora chiarito di preciso di che cosa si tratti questa accusa nei confronti dell’inglese.

Per fortuna per il momento la magistratura sta facendo il proprio corso, ma fonti interne alla Red Bull parlerebbero anche di una possibile richiesta di dimissioni, che sarebbe stata respinta da Horner. Il suo ruolo è di straordinaria importanza fin da quando l’Energy Drink è entrato a far parte della F1, ma intanto l’inglese ha altri pensieri rispetto alla monoposto del 2024.

Interrogato Chris Horner: 8 ore di con l’avvocato

A riportare gli ultimi aggiornamenti riguardanti il caso spinoso legato a Chris Horner è stato direttamente Sky UK. Quest’ultimo infatti ha evidenziato come il Team Principal della Red Bull abbia avuto modo di poter discutere con l’avvocato esterno per un totale di oltre otto ore. Un dettaglio che va a specificare ancora di più quanto già ripreso dal giornale olandese De Telegraaf, con questi che aveva parlato di un interrogatorio durato diverse ore.

Chris Horner interrogatorio Red Bull 2024 F1 problemi Team Principal
Chris Horner (Ansa – bicizen.it)

Stando a quanto riporta Sky UK, Horner si è dichiarato completamente innocente, con il fatto che non sussiste. Tutte le accuse che gli hanno rivolto, il britannico le ha rimandate al mittente. Dunque è soprattutto per questo che ha portato Horner a non dimettersi, dato che dal suo punto di vista l’inglese non ha motivo alcuno per essere sanzionato.

Ciò che però non è chiaro al momento è la durata del processo. Il primo weekend di marzo è ormai alle porte e non è possibile pensare che la Red Bull si presenterà ai nastri di partenza con una situazione del genere ancora in sospeso. Inoltre il destino di Chris Horner è legato anche a stretto contatto con quello di Adrian Newey.

Quest’ultimo infatti avrebbe modo di rescindere il proprio legame con la Red Bull nel momento in cui Horner fosse allontanato. Tutto ciò comporterebbe una nuova rivoluzione nel mondo delle corse, perché l’addio di Newey porterebbe uno dei più grandi progettisti del mondo in qualche altra scuderia. Tra Hamilton in Ferrari, il rigetto della FIA per l’inserimento della Andretti in F1 e ora il caso Horner, dopo quello di Wolff e della moglie Susie, non si può di certo che gli appassionati siano rimasti senza colpi di scena in attesa del ritorno in pista.

Impostazioni privacy