Nuovo stop alla circolazione, tantissimi italiani restano senza auto: la lista dei veicoli coinvolti

Si parla sempre più spesso di zone verdi e di limitazioni, ed ora ci sono novità davvero pessime. Ecco cosa è stato deciso.

L’obiettivo dell’Unione Europea è quello di puntare su auto ad emissioni zero a partire dal 2035, con la produzione e la vendita di auto dotate di motore termico, anche ibride e GPL, che sarà vietata dal primo di gennaio di quell’anno. Al momento però, le BEV non vendono come quanto sperato, cosa che sta causando una netta crisi nei brand che hanno puntato su di loro, con gravi perdite che hanno messo in ginocchio colossi delle quattro ruote come la Volkswagen, costretta ad abbassare i prezzi per sopravvivere.

stop alla circolazione auto
Auto ancora blocchi – Bicizen.it

Il green è l’obiettivo dei vertici europei per quanto riguarda il settore automobilistico, ed anche in Italia si sta attuando una politica simile a livello locale. Si è puntato sul blocco alla circolazione dei veicoli più vecchi, ed in queste ultime ore, una nuova direttiva ha scatenato furiose polemiche. Andiamo a dare un’occhiata a quella che è stata l’ultima misura indetta dal comune di Roma.

Auto, le ultime sullo stop alla circolazione

La situazione che riguarda lo stop alla circolazione delle auto più inquinanti continua a far discutere, ed in queste ultime ore, sono arrivate notizie poco confortanti da Roma. Infatti, il sindaco Roberto Gualtieri ha prolungato i divieti di accesso alle ZTL fascia verde, vale a dire quelle zone in cui possono circolare solamente i veicoli più recenti e che, per questo, sono meno inquinanti rispetto ai più attempati.

divieti di accesso ztl fascia verde
Traffico grandi problemi – Bicizen.it

Con il rinnovo, lo stop ai veicoli più inquinanti sarà valido già da questi giorni, in particolare, dal primo di aprile, al prossimo 31 di ottobre, e sarà attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, tranne che per alcune eccezioni. Essi riguardano le domeniche ed i giorni festivi infrasettimanali, nei quali anche le vetture più inquinanti, che ora andremo ad elencare, avranno libero accesso alle aree verdi.

In particolare, l’accesso, nei giorni che non fanno parte di quelli “eccezionali”, sarà vietato agli autoveicoli alimentati a benzina o diesel pre Euro 1, Euro 1 ed Euro 2. Inoltre, l’accesso sarà vietato anche ai diesel pre Euro 3, ciclomotori e motoveicoli a benzina e diesel pre Euro 1 ed Euro 2. Ci saranno ulteriori eccezioni, valide per tutti i singoli giorni, per veicoli particolari. Si tratta di quelli dediti alle emergenze sociali, come ambulanze e forze dell’ordine, oppure a chi si occupa della gestione dei rifiuti urbani o della tutela igienico-ambientali, ma anche di quei veicoli muniti del Cude, vale a dire, il contrassegno per i disabili.

La ZTL fascia verde ha già fatto discutere nel momento in cui fu introdotta, ed ora la situazione ha generato nuove polemiche. Anche a Milano si è pensato a limitazioni ancor più dure, a causa dei livelli di smog nell’atmosfera che hanno raggiunto livelli eccessivi. Di certo, la tutela dell’ambiente deve essere trattata come una priorità, ma tali misure rischiano di mettere in ginocchio tanti cittadini, che al momento, non possono permettersi l’acquisto di un’auto nuova. La situazione è molto delicata e merita di essere gestita con grande attenzione.

Impostazioni privacy