BYD, stop alla produzione: novità shock, sono pericolose

Non solo la casa Tesla ha problemi con la produzione dei suoi veicoli. La rivale cinese più pericolosa si trova a fare i conti con un grave problema di sicurezza!

La tecnologia delle automobili elettriche è sicuramente uno dei punti focali attorno a cui ruota la transizione ecologica che nel giro di una decina di anni a partire da ora dovrebbe rendere l’Unione Europea un’area completamente sgombra dai motori termici inquinanti almeno per quanto riguarda le automobili nuove. Chiaro che i brand automobilistici cercano anche altre soluzioni come i biocarburanti o i motori a idrogeno, nel mentre…

Sicurezza problemi BYD
Ancora problemi con le auto elettriche (Canva) – Bicizen.it

Molte aziende produttrici invece sono ormai orientate verso i motori elettrici come unica alternativa: lo si vede soprattutto in Cina dove investimenti saggi e rapidi del governo nelle aziende che producono questa tecnologia hanno portato molte case produttrici a mettere sul mercato intere gamme di automobili elettriche. Ora, questi brand sbarcano in Europa.

Tra le case che potrebbero avere il maggior successo – e che hanno già fatto registrare livelli di vendita elevati – troviamo la BYD, un’azienda che ha saputo giocarsi le sue carte intelligentemente proponendo soprattutto vetture low cost in un momento in cui il mercato chiede esattamente questo: prezzi più bassi. Ora però è sorto un problema che rende l’Anti Tesla precaria.

BYD, un problema da risolvere

La casa considerata la rivale naturale di Tesla in Europa ha un problema: come riporta infatti il portale Dmove, la casa cinese avrebbe dovuto bloccare la produzione di un tipo di batteria che non sarebbe conforme agli standard minimi di sicurezza europei. Un problema destinato sicuramente a costare denaro e tempo agli ingegneri del brand che dovranno affrontarlo e risolverlo rapidamente.

Problemi casa BYD
BYD: un grosso problema (Ansa) – Bicizen.it

Dopo aver verificato che la sicurezza delle batterie non era elevata quanto il brand avrebbe desiderato, la BYD ha preso una decisione bloccando la produzione delle cosiddette Pouch Cells ossia le celle a sacchetto. Queste sono delle componenti delle batterie di litio con una forma cilindrica che a quanto pare non assicurano una resistenza sufficiente ai prodotti del brand cinese.

La casa si orienta verso l’abbandono di questa soluzione tecnica in favore di un’alternativa più sicura ossia le celle prismatiche, con una struttura meno vulnerabile e che vanta un rischio di danni all’involucro molto minore rispetto a quelle cilindriche. Questa decisione riguarda soprattutto i modelli ibridi della casa che montano questo tipo di prodotto. Sicuramente, non sarà stata una decisione facile o economica ma la sicurezza dei clienti è al primo posto per BYD.

Impostazioni privacy